Archivi tag: cioccolato

Crostata di amaretti affogati (da Dolcipensieri)

Crostata amaretti affogati

Oggi ho provato per la prima volta una ricetta tratta dal bellissimo blog Dolcipensieri, la crostata di amaretti affogati nel rum: http://dolcipensieri-blog.blogspot.com/2010/11/crostata-amaretti-affogati-nel-rum.html

Prima di tutto ci tengo davvero a fare i complimenti all’autrice perché espone con molta semplicità i vari procedimenti, accompagnando sempre il lettore durante tutti i momenti più importanti con foto chiare e ben esplicative; mi sono trovato molto bene anche rispetto alle quantità indicate negli ingredienti.
Per la ricetta vi rimando all’autorevole blog, di seguito alcuni accorgimenti che ho adottato, per gusto personale ma anche perché costretto da una credenza poco fornita, eheh…

Innanzitutto, ho usato lo zucchero di canna grezzo al posto di quello a velo (4 cucchiai e mezzo per 500 g di farina): ho certo rinunciato ad una pasta più morbida, ma personalmente preferisco una frolla più friabile e granulosa; senza dimenticare quanto sia diverso il gusto dello zucchero di canna rispetto a quello normale.
Come quasi sempre mi accade, poi, non ho usato solamente farina bianca: su un totale di 500 g, per 1/5 di essi ho usato della farina integrale per arricchire le sfumature di gusto; ovviamente entrambe erano farine biologiche.
L’ultima personalizzazione è stata quella forzata dalla mancanza di rum in casa, che ho sostituito con del marsala: penso che sia comunque meglio il rum, anche se poi è vero che durante la cottura l’alcool se ne va… segnato sulla lista della spesa!

La prova d’assaggio? Sublime 😀

Fetta di crostata amaretti affogati


Tarte tatin di pere al cioccolato

Tarte tatin di pere al cioccolato

Avevo un conto aperto con la tarte tatin: il primo tentativo, che ormai risale all’anno scorso, era stato un vero e proprio fallimento… questa volta è andata decisamente meglio! 🙂

Ho trovato questa ricetta sul foglio delle offerte di ottobre di CuoreBio, il negozio biologico dove vado spesso a comprare tante cose buonissime: cd live dei Pearl Jam nello stereo, e mi sono subito deciso a provarla.

INGREDIENTI

Per la frolla
– 130 g di burro a temperatura ambiente
– 100 g di zucchero
– 1 uovo intero
– 1 tuorlo
– 300 g di farina 00
– 50 g di cioccolato fondente
Per il ripieno
– 8 pere
– 60 g di zucchero
– 40 g di burro
– 1 limone

Preparate la frolla: mescolate la farina setacciata con lo zucchero e il cioccolato grattugiato. Formate una fontana e mettete al centro l’uovo intero e il tuorlo leggermente sbattuti. Tagliate a pezzetti il burro e iniziate a lavorare il composto, prima con l’ausilio di una forchetta, quindi con le mani. Fate riposare la pasta frolla in frigorifero, avvolta nella pellicola trasparente. Preriscaldate il forno a 180 °C.

Pelate le pere e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Eliminate i semi e la parte centrale e cospargetele con il succo del limone per evitare che anneriscano. In una teglia da forno antiaderente del diametro di 30 centimetri mettete il burro e lo zucchero. Fate fondere finché il composto inizierà a imbiondire. Unite le pere e fatele cuocere fin quando diventano morbide. Giratele con la parte panciuta rivolta verso il fondo della teglia fino a coprire tutta la superficie.
Ecco, questa è la parte più difficile per i cuochi della domenica come me: resistere, resistere ai profumi ammalianti che si producono e non mettere il dito nella pentola per assaggiare; trattenersi dal mangiare tutte le pere che si cucinano nel caramello è una prova che nemmeno Ercole avrebbe superato!

Molto bene, a questo punto spianate la pasta con il matterello e ricavatene un disco di 30 centimetri di diametro e di 2 millimetri di spessore. Disponete la sfoglia sulla teglia a coprire le pere e praticate qualche forellino sulla superficie. Infornate per 40 minuti, finché la pasta non avrà preso una consistenza croccante.

E’ fatta: sfornate la torta, attendete pochi minuti, rovesciatela su un piatto piano dando un colpo secco per assicurarvi che le pere si stacchino perfettamente e sollevate la teglia. Servite la torta tiepida, accompagnata (prezioso suggerimento di Silvia) con della crème fraiche (la panna acida), oppure con dello yogurt greco.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: